Our website is made possible by displaying online advertisements to our visitors. Please consider supporting us by whitelisting our website.

Animali in città, la fotografia della situazione nel rapporto Legambiente


La relazione fra umani e animali soprattutto nelle città è certamente un tema urgente per il benessere di entrambi. Il rapporto Animali in città di Legambiente dipinge la situazione e indica le città e le aziende sanitarie più virtuose…

Legambiente ha pubblicato il X Rapporto nazionale Animali in città 2022 che valuta le performance delle amministrazioni comunali e delle aziende sanitarie per offrire una migliore convivenza nei contesti urbani con gli animali domestici e selvatici.

Ovviamente cani e gatti la fanno da padroni, basti pensare che in Lombardia risultano registrati 1.768.444 cani, vale a dire 1 cane ogni 5,6 cittadini, mentre 280.256 sono i gatti, 1 ogni 35,6 cittadini.

Questo dato deve però considerare che l’anagrafe degli animali d’affezione è obbligatoria per i cani e i gatti nati a partire dal 2021, mentre per altre specie, come i furetti, non lo è.

Dal rapporto emerge che servono anagrafi animali più efficienti, in modo da avere una panoramica della situazione più completa, anche perché non esistono dati sulle colonie feline e sul randagismo.

Manca ancora un’anagrafe unica nazionale obbligatoria, aperta a tutte le specie animali e questo penalizza anche la pianificazione per organizzare e fornire servizi ai cittadini, effettuare controlli sanitari e migliorare la convivenza con gli animali.

Un altro tema importante è quello del censimento e della conoscenza della biodiversità animale nelle nostre città, come sottolinea Barbara Meggetto, presidente di Legambiente Lombardia.

Il livello di conoscenza della biodiversità animale che abita sempre più spesso i territori urbanizzati è ancora troppo scarso. Eppure sarebbe molto importante monitorare tutto il variegato mondo animale, ricchissimo in termini quantitativi e qualitativi, che abita le case della nostra regione, sia in quanto valore naturale da promuovere sia per le nuove esigenze, sanitarie e di sicurezza che la convivenza tra uomini e animali comporta“.

Vita da cani e gatti in Lombardia

Sono poche le amministrazioni comunali che, rispondendo ai questionari di Legambiente, dichiarano di monitorare le colonie feline presenti nel proprio territorio.

Tra i comuni più virtuosi figura Pero (Mi) con 1 gatto ogni 8 cittadini e tra le città con il maggior numero di colonie feline controllate il rapporto annovera Milano con 1.320 colonie per 20.000 gatti e 1.320 gattare/i (1 gattaro ogni 15,1 gatti).

Per quanto riguarda i cani i Comuni più attenti al loro benessere in città figurano i lombardi Cesano Boscone (Mi), dove è stata realizzata 1 area cani ogni 1.316 residenti, e Milano che per offrire 1 area cani ogni 3.411 cittadini, per un totale di 403.

Le performance peggiori si registrano in quattro Comuni lombardi che dichiarano di spendere meno a livello nazionale per servizi dedicati agli animali d’affezione: Nerviano (Mi) 0,053 euro per cittadino, Ronco Briantino (Mb) 0,059, Terno d’Isola (Bg) 0,059 e Mandello del Lario (Lc) 0,067, contro una spesa media di 2,4 euro per cittadino.

Premio Animali in Città

Quest’anno il premio nazionale Animali in Città verrà assegnato in primavera a Mantova e a Milano, città che hanno avuto la migliore valutazione complessiva dei 36 indicatori considerati nell’indagine.

Fra le aziende sanitarie invece saliranno sul podio Ats Brescia e Ats della Montagna (Sondrio, Valtellina, Valcamonica) in competizione con le 50 aziende sanitarie che hanno fornito i dati a Legambiente.

Ma quali sono i parametri principali? Fra gli indicatori di rilievo per questa indagine ci sono: corretta detenzione, accesso a uffici e locali pubblici, accesso in spiaggia, presenza di esche avvelenate, botti e fuochi, cremazione e sepoltura, gestione dei circhi, agevolazioni delle adozioni, agevolazioni alle sterilizzazioni.

Inoltre vengono considerate la spesa media pro capite a livello nazionale per i pet, le spese delle amministrazioni locali e le spese sanitarie, la spesa pubblica per i parchi nazionali, marini e le riserve naturali.

Obiettivi entro il 2030

Tra i principali obiettivi che Legambiente ha indicato nel rapporto nazionale, ne sono stati individuati sei per migliorare la convivenza nei centri urbani, monitorare le presenze e creare quelle strutture utili al controllo e al benessere di tutti:

approvare e far entrare in vigore, entro il 2022, l’anagrafe unica nazionale per tutti gli animali d’affezione o da compagnia
porsi l’obiettivo nazionale di costituire reti e alleanza tra amministrazioni pubbliche e soggetti privati entro il 2025 per la tutela degli animali d’affezione e selvatici
porsi l’obiettivo nazionale entro il 2030 di arrivare a 10.000 assunzioni di veterinari pubblici in servizio
arrivare ad avere entro il 2030 mille strutture veterinarie pubbliche su tutto il territorio nazionale tra canili e gattili sanitari e ospedali veterinari (uno ogni 300-400 mila cittadini opportunamente distribuiti territorialmente)
potenziate la rete degli spazi verdi urbani e delle aree cani entro il 2030 per arrivare ad avere un’area cani ogni 1.000 abitanti in ogni città
formare 15.000 guardie ambientali e zoofile volontarie entro il 2030

L’articolo Animali in città, la fotografia della situazione nel rapporto Legambiente è stato pubblicato su Magazine Green Planner.


X